+43 6477/8224-0
 
 
 
 

Lago Oberer Schönalmsee (2.114m) – Weißpriachtal

Una lunga cresta di montagne scende dai Tauri, punteggiata da vette bellissime, come la Tauernhöhe (2.328 m), il Gollitschspitz (2.247 m), il Gurpitschek (2.526 m) e il Karnereck (2.380 m). Questa cresta, che arriva fino alla Fanninghöhe, divide la Twengertal dalla Weißpriachtal e offre alla vista il meraviglioso paesaggio alpino: splendidi laghetti e meravigliosi alpeggi, come quello di Schönalm.
Da sempre casari e allevatori hanno avuto cura degli animali, hanno accudito pecore, maiali e capre, e con il latte hanno preparato burro e formaggio settimana dopo settimana. Era la vita dell’alpeggio, lontana di molti anni, ma ancora impressa nella memoria, come testimoniano i muri in rovina sparsi qua e là nelle montagne. E quando arrivavano le calde notti d’estate iniziavano le musiche e i balli, con musicanti che creavano seducenti note musicali e coppie di ballerini che danzavano incessanti al chiaro di luna. Ma ecco che donne misteriose uscivano dalle grotte e dai nascondigli per unirsi ai ballerini sulla pista.
Portavano vesti chiare e sottili, i loro capelli erano lunghi e luminosi: queste donne sembravano volare nella brezza della sera diffondendo nell’aria il delicato profumo dei fiori di sambuco. Si sentivano anche gli Juschgaza dei ragazzi. Capitava talvolta che arrivasse al ballo un ospite straniero: un piccolo diavolo, uno sconosciuto, magari vestito da cacciatore, che divideva le coppie di ballerini e seduceva qualche bella ragazza del posto. Si racconta che sul “Muro di Satana” a Tweng le ragazze dovessero fare penitenza per i peccati commessi nella serata del ballo. Ma non tutte avevano paura della punizione perché si diceva che “In alpeggio niente é peccato”.

Punto di partenza: parcheggio presso il bivio della Znachtal, valle Weißpriachtal posteriore, facile da raggiungere in automobile o con il bus della valle.
Seguire il sentiero Schotterweg ed arrivare alla baita Granglerhütte (1.320 m), proseguire fino al bivio della baita “Ulnhütte”. Procedendo dietro alla baita svoltare a sinistra, passare vicino alle cascate e attraversare la Longa. Dopo 200 m prendere un sentiero sulla sinistra e andare alla baita-locanda Tonimörtlhütte. Raggiunta la baita andare diritti, poi girare a sinistra, oltrepassare il lago Wirpitschsee (1.699 m), e andare al lago Schönalmsee inferiore (1.893 m). Da lì il sentiero sale verso la meta, il lago Schönalmsee superiore (2.115 m).

Difficoltà: media/difficile
Durata: 3 ore e mezzo per il lago Schönalmsee superiore
 
 
 
Vai alla lista